Florio dixit

il post è falso. Io è l’abbreviazione di Dio. Mi do il benvenuto su questo taccuino aperto a tutti, una specie di libro delle dediche che si trova in alcuni musei…”scrivete le vostre impressioni o i vostri consigli”…PORCO *** [censura del curatore]. Aspettate.Non vuol essere un banale gesto esibizionista,tantomeno un virtuosismo poetico.No,solo lo spunto per un più ampio ragionamento.Iniziamo con le parole chiave: porco; dio; pascal;epifania.
Cominciamo con l’accoppiata che fa arrabbiare i fanatici credenti.Spostiamoci nelle sedie dei credenti e vediamo i fatti dal loro punto di vista.Cos’è che condanna all’inferno l’incauto bestemmiatore?L’accostamento al nobile animale?un vago richiamo alla integrità morale del dio?Mi chiedo: ma se dio esiste ed è creatore del tutto,dunque anche del porco,perchè dovrebbe offendersi se paragonato al succulento quadrupede?e ancora,dal momento che nessuno conosce o può descrivere dio,perchè non supporre che sia anche porco?voglio dire:anzitutto se egli c’è,è anche clemente ed equo,dunque non può certo accogliere compiaciuto i complimenti di perfezione e onnipotenza ed adombrarsi per appellativi meno luccicanti,non vi pare?Se dicessi UOMO DIO,o FIUME DIO e via dicendo..sarebbe meno grave?non è forse lercio l’uomo?non è forse lurido il tevere(solo per rimanere attuale per carità..)?Mi si obietterà che il nome Suo non va nominato…bè…questa è bella!ma se c’è in tutte le preghiere?il zibellinato lo pronuncia ogni due parole!!i conti non tornano…Ora sediamoci tra le sedie dismesse dei non credenti,attenti a non cadere a gambe all’aria.Se dio non esiste qual’è il problema di sostenere,per altro in maniera sintetica ed efficace,per esempio la mia rabbia momentanea?Non credo ci sia nulla da aggiungere da questo lato.Ma veniamo al punto di vista cruciale:quello del porco.Nessuno,nemmeno le associazioni animaliste,si è mai chiesto se il porco possa sentirsi offeso o gratificato dal binomio citato..Ora è assai plausibile che il porco sia paragonato ad una divinità, non considero i vegetariani in questi paragoni,ma tutti gli altri entusiasticamente accetterebbero questa nuova divinità posti davanti alle delizie che dal maiale, o porco, si possono ricavare.Credo che il porco non sia per niente felice di essere paragonato ad un dio,o A dio.Nella suo proverbiale senso pratico della vita,vorrebbe essere piuttosto etichettato con qualcosa la cui esistenza è fuori discussione,non certo con chi da sempre è di dubbia presenza.
Era il 1650 circa e Blaise Pascal spara una di quelle cazzate,talmente grande che ancora oggi viene riportata su tutti i manuali di filosofia: LA SCOMMESSA SU DIO.Il nostro in sostanza diceva che l’uomo deve scegliere se credere all’esistenza di dio oppure no.Come fosse un gioco d’azzardo,l’uomo che scommette sull’esistenza di dio e vive seguendone gli insegnamenti ha tutto da guadagnare poichè se dio esiste lo compenserà con l’invito nel regno di dio,se perde non perde nulla.Rischiare il finito per guadagnare l’infinito è un rischio succulento.Come il porco d’altronde.Sono fin troppo palesi i limiti di questa scommessa,che comunque invito a leggere personalmente,che da per scontata l’esigenza di dover scommettere su certe persone..divinità insomma.Spesso alcuni parroci mi hanno proposto questa come risposta alla mia adolescente domanda su l’esistenza o meno di dio.Se avessi studiato filosofia alle medie forse avrei saputo rispondergli.Fa niente.La vendetta è un piatto che va consumato freddo.Come la coppa,il prosciutto,il salame e il sanguinaccio.
L’epifenomeno,riporto dal dizionario Zingarelli della lingua italiana,è un FENOMENO ACCESSORIO CHE ACCOMPAGNA I FENOMENI CORPOREI,SENZA ALTERARNE O MODIFICARNE LO SVILUPPO; 2)SINTOMO SECONDARIO CHE SI AGGIUNGE A QUELLI FONDAMENTALI DI UNA MALATTIA. L’epifania,ovvero l’epifenomeno osservato dai tre re magi,è dunque una stronzata.Letteralmente una stronzata.Un fenomeno che accompagna i fenomeni corporei senza modificarne lo sviluppo:una cagata o defecazione per intenderci.Se poi si vuole utilizzare il secondo significato si ottengono conclusioni ancor più perniciose.
Un ultima osservazione:Con che arroganza si sarebbe preso il diritto di farmi a sua immagine e somiglianza?è con orgoglio che confesso di assomigliare ad un porco.
Ho provato a spiegare questi miei dubbi,queste perplessità a suo figlio,ma quando sono andato in una delle sue tante case sparse per Roma,ho trovato solo gruppi di pensionati che ululavano sull’altare canti natalizi,ho cercato dove c’era una croce,ma ho trovato un cartello ingiallito con scritto :TORNO SUBITO.

POST di MARCO FLORIO, amico e intellettuale

Florio dixitultima modifica: 2009-01-05T21:51:07+01:00da andreoli
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Florio dixit

  1. bene. ti ringrazio per gli spunti. quando ci vediamo ne parliamo senz’altro. non sono in grado di rispondere e/o ribattere in questo spazio. sempre che ci sia da rispondere; o da ribattere. ho censurato il bestemmione perchè ho sempre paura che i servizi segreti della CEI setaccino i blog per chiuderli e per condannare i loro autori al fuoco eterno.
    a presto. m

Lascia un commento